Ci vediamo in saletta?

Un vecchio adagio aziendale recita più o meno così :” se non hai voglia di lavorare indici una bella riunione”. E in effetti quale modo migliore di fingere di lavorare che conversare amabilmente con i colleghi? In tutti i corsi insegnano come si organizza una riunione, la tipologia di riunione, come condurla, chi convocare, tutti conoscono la teoria della riunione perfetta, ma giunti al momento fatidico tutti la disattendono. Ogni giorno quindi ti trovi a dover partecipare a riunioni in cui il tuo contributo è pari a zero, a non partecipare a riunioni dove il tuo contributo sarebbe fondamentale, a partecipare a riunioni consultive in cui non è richiesto alcun parere, ma dove ti vengono somministrate delle belle soluzioni già pronte e ‘che non puoi rrrifiutare’ (leggete con la voce di Brando ne Il padrino), a riunioni informative in cui non ottieni alcuna informazione, a riunioni decisionali in cui non si decide nulla se non che si deciderà magari in una prossima riunione… L’importante è riunirsi, a lavorare si fa sempre in tempo; dal 90% delle riunioni si esce con un senso di perdita di tempo e di inutilità. Però è bello partecipare, specialmente con dei colleghi simpatici: guardi il tuo dirimpettaio combattuto tra il pensiero del pane da comprare alla Conad e quello di un incontro sconvolgente in corridoio mezz’ora prima, compatisci il tuo vicino che cerca di divincolarsi da una trappola in cui qualcun altro abilmente e mellifluamente lo sta incastrando, intanto  cerchi di riordinare le idee sull’argomento della conversazione, ogni tanto per non sembrare assente butti lì due o tre frasi a effetto, con molta decisione per suscitare ammirazione, poi torni ai tuoi ghirigori sul foglio e a studiare il tuo dirimpettaio per capire se pensa più al pane o più all’incontro sconvolgente, il tutto cercando di non ridere ascoltando le fregnacce che qualcun altro sta pronunciando. E alla fine ci si alza tutti sorridenti felici e contenti, tranne uno che di solito è quello che l’ha presa in quel posto (sì perché in ogni riunione per quanto inutile almeno uno  lo prenderà in quel posto) dal tavolo si raccattano tutti i propri impicciarelli e si torna a lavorare senza che nulla sia cambiato, fino alla prossima riunione…

Annunci

3 comments so far

  1. Federica on

    Manco a farlo apposta, stamattina sono stata invitata a partecipare ad una riunione del cui contenuto non ho capito assolutamente nulla!
    Tra poco lo scrivo sul blog… 🙂

  2. Francesco on

    A volte preferirei non capire Fede 😉 il problema è che quasi sempre capisco…benvenuta nel mondo della riunione !

  3. feowyn on

    è un buon metodo a presto 😉


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: