Settimana incasinata

Settimana scorsa ho vissuto in una sorta di stato catatonico da rientro dalle ferie, stavo benissimo in realtà, non ero per niente stanco, ma ero in una sorta di limbo, tipo pugile suonato, la settimana è passata tranquillamente, ma ne è arrivata subito un’altra, non ricordavo quanto potesse essere corto un week end…e oggi si parte per Milano, una due giorni lavorativa che se da una parte mi aiuterà a distrarmi un po’,  dall’altra contribuirà ad aumentare il mio stato di confusione; e intanto ho il portatile col disco morto e dovrei provare a recuperare i dati, ma non ho tempo, ne’ gli strumenti adatti, non adesso, e allora rimanga morto lì, fino al mio rientro almeno, ne approfitterò per leggere il mio libro… ieri pensavo a come, quando ci si rassegna a non avere più qualcosa, quando si prende atto che è irrecuperabile, miracolosamente il nostro cervello non ne sente più il bisogno, in un istante ci si accorge che forse non era indispensabile…niente è indispensabile

Buona settimana a tutti 🙂

Annunci

2 comments so far

  1. scheggia on

    tutto normale, c’è il balck out pre partenza quello non-ce-la-faccio-più-fateme-annà-in-vacanza, poi c’è il black out del ritorno da oddio-nun-ce-posso-crede-le-vacanze-sò-già-finite.
    don’t worry sei normale! ;0)

  2. ossimorosa on

    gran bella scocciatura!
    Fortuna però che ci son molte altre cose da fare, come ben ricordi nella lettura


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: