Imprevisti

Una volta durante una lezione di teoria dei segnali, mentre si discuteva il tema dell’informazione, il professore rivolse all’aula una domanda apparentemente stupida, si chiedeva e ci chiedeva se fosse meglio che trasmesso un dato un ipotetico ricevitore ricevesse proprio quel dato o un dato sbagliato…ovvero dove risiedesse l’informazione in una trasmissione…banalizzando se qualcuno mi dice una cosa che mi aspetto non avrò alcuna informazione, viceversa se mi dirà una cosa inaspettata avrò un’informazione, un errore contiene più informazioni di un evento prevedibile…questa noiosa premessa per dire che a volte nella vita è meglio che le cose non vadano come ci si aspetta…

Annunci

7 comments so far

  1. Rob on

    Sono d’accordo con te…
    le cose a volte vanno proprio come non ci si aspetta, ma come dicevano mio nonno, mio zio, niente capita per caso…..
    Un prof filosofo…
    Notevole….

  2. yersinia on

    non so perchè ma spesso mi immagino come dovrebbero andare le cose…ma molto più spesso non mi aspetto nulla, lascio scivolare le cose. o meglio, forse parto con le aspettative basse, e poi piglio tutto quello che arriva, che di solito si trova al di sopra di quello che mi aspettavo, quindi chiudo in positivo.
    però credo anche in un qualche disegno già quasi stampato, dove guardandomi indietro trovo che tutto coincide…
    però è anche mezzanotte e il mio neurone capo è andato a dormire…magari non ha senso tutto ciò….buonanotte

  3. iOrtensia on

    avevo già precedentemente riflettuto su questo concetto, e non è affatto banale…come anche a volte mi chiedo:”vale la pena dire sempre tutta la verità sapendo che il nostro interlocutore potrà sempre travisare se non del tutto, almeno in parte, ciò che abbiam svelato?”…ho trovato il tuo blog per caso…ciò che ho letto fugacemente sembra interessante…
    ciao!

  4. Francesco on

    x Rob: l’imprevisto è sempre dietro l’angolo e non è sempre spiacevole per fortuna
    x yersinia: a volte l’idea del disegno ce l’ho anche io, però forse col senno di poi è ovvio che tutto ci sembri perfettamente incastrato proprio perché lo vediamo già perfettamente incastrato, nel’ultimo periodo cerco di guardare alle situazioni come opportunità cerco di capire se quello che succede in un certo momento in un certo posto potrebbe essere l’inizio di qualcosa o il pezzo di qualcos’altro…sarò pazzo ? 🙂
    x iOrtensia: benvenuta innanzitutto; sai che ieri riflettevo proprio su questa cosa? dopo una lunga conversazione mi sono reso conto che tutto quello che avevo detto ,come al solito con la massima trasparenza e sincerità, poteva essere usato contro di me, come dicevano nei telefilm americani…io però credo ancora nella verità e sia quel che sia…

  5. rullosigarette on

    …già….meglio non crearsi aspettative….senza però “lasciarsi vivere”…complicato….ma necessario….

  6. yersinia on

    prima o poi scriverò un post su come ho incontrato il mio fidanzato e su come sono arrivata a questa università…
    altro che pezzi di puzzle…

  7. profemate on

    Le cose più belle della mia vita sono state impreviste ed imprevedibili. A cominciare dalla mia nascita. Certo, dopo, dobbiamo avere la forza, la volontà, la tenacia di seguirle.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: