3 ore di nulla tridimensionale

Copio e incollo da wikipedia alla voce ‘Unreal’ (videogioco del 1998) :Tramite il suo fido traduttore universale e grazie alle testimonianze lasciate dai suoi compagni uccisi, in breve tempo si rende conto della situazione del pianeta su cui ha fatto naufragio: la popolazione locale nativa, i pacifici Nali, è stata schiavizzata dalla razza Skaarj proveniente da un altro sistema stellare. Alla ricerca di un modo per fuggire da quel luogo inospitale e aiutato occasionalmente dai Nali che lo vedono come una speranza di salvezza, il prigioniero impara a conoscere sia la loro cultura che quella iper-tecnologica degli Skaarj, facendo tappa per luoghi selvaggi, templi, castelli, villaggi e imponenti strutture ultra-moderne. Nel corso del suo viaggio scopre diverse profezie Nali che narrano le gesta di “un messia che verrà dal cielo per scacciare i demoni che vennero dalle stelle” (evidente riferimento alle vicende del nostro eroe).

Avatar non è un film ma un videogioco, questo il commento di chi l’ha visto con me, e le poche righe qui sopra lo confermano. L’impatto visivo è sicuramente spettacolare, anche se la computer grafica ormai ci ha abituato a mondi inesistenti ricostruiti con una dovizia di particolari impressionante, penso a ‘Il signore degli anelli’ o Wall-E. Tolto l’impatto visivo il film è di una banalità sconvolgente, con l’aggravante della fantascienza ‘pseudorealistica’ che lo rende a tratti irritante (montagne che volano e cascate d’acqua sono un ossimoro gravitazionale insopportabile). Il soggetto è veramente brutto,  è scontato, non c’è alcun colpo di scena, non c’è nulla che non sai già che ci sarà, è insieme balla coi lupi e pocahontas, indipendence day e terminator, infarcito di una sequela di stereotipi da far impallidire i cinepanettoni.

In una sola parola lo definirei fastidioso.

PS: uscendo dal cinema mi chiedevo come si conciliasse l’applauso finale del pubblico con lo stato di semidevastazione in cui versava la sala alla fine della proiezione, speravo che almeno il banalissimo messaggio del film fosse passato. Forse però quella è la perfetta sintesi di film come Avatar: il nulla dentro ostentando il bello fuori.

Annunci

2 comments so far

  1. profema on

    Ma come… me lo distruggi così?!! Io non sono ancora riuscita a vederlo perché volevo vederlo in 3D ed era sempre tutto esaurito. Non mi aspettavo una cosa eccezionale, ma coinvolgente sì… neanche quello mi pare: tutto fumo e niente arrosto?

  2. Francesco on

    Vai a vederlo e vedilo in 3D: è da vedere assolutamente al cinema; poi però dopo averlo visto voglio un tuo commento 🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: